Vita consacrata

   

Il 29 novembre  si èsvolta nella Basilica Papale di SantaMaria Maggiore, la veglia di preghiera per l'apertura dell'Anno dedicato alla Vita Consacrata, indetto daPapa Francesco.

Gratitudine, passione, speranza, Vangelo eprofezia: saranno le cinque parole che guideranno la riflessione lungo l’Annodella Vita Consacrata, perché pensiamo che queste cinque parole sintetizzinogli aspetti fondamentali e fondanti della Vita Consacrata – ha detto - S.E. Mons. José Rodriguez Carballo, Segretario della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica. 

Il Vangelo ci parla della centralità di Cristo e Papa Francescoinsiste costantemente che nella misura in cui uno si incontra con Cristo, esce,va all’incontro con gli altri. E la Chiesa in uscita è la Vita Consacrata inuscita. Dall’altra parte, quando uno si incontra con Cristo, non può fare ameno di fare memoria grata della propria storia, non può fare a meno di vivereil presente con passione, non può fare a meno di abbracciare il futuro consperanza e non può fare a meno che la sua vita diventi veramente profezia.Quindi, tutte partono dal Vangelo. Poi, si deve considerare che il Vangelo è laregola suprema di ogni vita consacrata e quindi deve stare sempre al centro. Daquesto centro, tutto il resto è conseguenza.

La celebrazione è iniziata con la processionedi 50 sacerdoti e 50 suore portando ciascuno una lampada, mentre il coro delle nostresuore guidate da padre Ermanno Toniolo OSM eseguiva il canto dell’Inno Akatistos.

Con un videomessaggio papa Francesco ha rivolto il suo saluto e la sua esortazione a tutti i consacrati e le consacrate che operano nel mondo. Svegliate il mondo! "Uscite dal vostro nido verso le periferie dell’uomo e della donna di oggi! Per questo, lasciatevi incontrare da Cristo. L’incontro con Lui vi spingerà all’incontro con gli altri e vi porterà verso i più bisognosi, i più poveri". (testo integrale)


 

Video


 

Copyright © 2018 Istituto suore compassioniste serve di Maria