Home page
martedì 24 ottobre 2017 - Fai diventare questo sito la tua Home Page Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti Contattaci


Home Page > La fondatrice > Percorso della causa

Percorso della causa

Morta la S. di D. nel 1921, il Processo ordinario si svolse 18 anni dopo (dal 1939 al 1942) a Castellamare di Stabia diocesi dove la S. di D. era nata e vissuta fino alla morte.
Sono stati ascoltati 72 testi, dei quali 5 ex officio. Dei testi, 65 sono de visu.

La peculiarità di questa causa ha la sua radice, nel "Reponatur" del Sant' Uffizio del 1944, ritirato soltanto nel 1973, causato dai fenomeni straordinari nella vita della S. di D.
Nel 1982 venne richiesto un voto ex officio su questi fenomeni straordinari (timori ingiustificati, vomiti strazianti, astinenze prolungate da cibi e bevande, malattie misteriose, estasi, stigmate, possessioni diaboliche, ecc.).
Secondo le informazioni queste prove cominciarono quando la S. di D. aveva 20 anni, cioè nel 1865, con la vestizione dell'abito di terziaria OSM.
Ma dalla lettura della autobiografia della S. di D. (Cfr. Summ. Doc. pp. 168 169) sembra che siano cominciate quando la S. di D. aveva 30 anni (cioè verso il 1875).
 Le prove durarono fino al 1900.

La situazione si sbloccò definitiva mente dopo il ritrovamento di documenti importanti, e nel 1988 la causa fu affidata al Rev.mo P. Ambrogio Eszer O.P. come relatore.
Molto importanti sono per la causa:
a) gli scritti del vescovo Mons. Sarnelli, che seguì spiritualmente la Sr. Maria Maddalena, per ben 18 anni e annotò quanto di straordinario avveniva nella S. di D;

b) la perizia medica scritta dal Dott. Flaviano Colamusssi (11.6.1899) per incarico del Vescovo Mons. De Jorio. Il Dott. Colamussi aveva seguito da vicino la S. di D. da anni, per incarico dal vescovo Mons. Sarnelli;

c) la relazione giurata che Mons. De Jorio chiese alla Vicaria della S. di D. Suor Maria Santorelli;

d) gli appunti autobiografici che i vescovi comandarono di scrivere alla S. di D. Questi documenti hanno arricchito molto le prove della Causa e sono stati di grande valore per conoscere proprio le singolari esperienze della S. di D. in 25 anni di successi molto straordinari.

Sono state ascoltate dichiarazioni di 2 vescovi, 8 sacerdoti secolari e 3 religiosi, religiose (23 della Congregazione fondata dalla S. di D. e 3 di altre congregazioni) e 33 laici, fra i quali alcuni membri della famiglia della S. di D. (2 fratelli, 1 sorella, nipoti). Di particolare importanza ci sembra la dichiarazione della teste XXIX, Suor Bernardina Caso che, quando aveva 15 anni, conobbe la S. di D., entrò nella sua Congregazione religiosa e per 40 anni trattò la S. di D. fino alla sua morte, alla quale fu presente. È stata la successora della S. di D. come Superiora Generale.

Dal 1900/1901 fino alla morte (1921), la S. di D. non ebbe più fenomeni straordinari. Si dedicò alla formazione delle sue suore, al governo e all'espansione della congregazione. Per questo, appunto, ci sembrano di grande valore le dichiarazioni dei testi su questi ultimi 20 anni della S. di D., indipendentemente che alcuni testi non abbiano conosciuto i fenomeni straordinari degli anni precedenti.

Dalla Positio emerge la singolarità della figura di questa religiosa, chiamata da Dio a percorrere abbracciata alla Croce del Signore tutto il suo itinerario religioso. Le sofferenze che dovette patire non sono state soltanto le dure prove che comportarono i fenomeni straordinari ma anche le contraddizioni alla sua fondazione da parte del laicismo più militante, il dolore per la morte di ben 22 giovani religiose che entrarono nella sua congregazione, o le gravi infermità di alcune consorelle, le umiliazioni da parte di persone della sua città… Come vera Serva di Maria visse sempre con la convinzione che la Madonna fosse la superiora della Congregazione e lei la “bidella” .

La singolarità dei fenomeni straordinari vissuti da sr. M. M. e la durezza di alcune di queste prove sono molto bene studiate dal punto di vista della teologia mistica nel voto di S.E. Mons. Echevaria.

Chiarite queste complesse e difficili questioni, l’8 aprile 2003 il Congresso Speciale della Congregazione delle Cause dei Santi ne  riconosce le virtù eroiche.

Il 7 luglio 2003 il Santo Padre Giovanni Paolo II approva  l’eroicità delle virtù e la proclama Venerabile.

La Consulta  medica nella riunione del 21 ottobre 2004 approva il miracolo a favore di Suor Fara di Gesù Crocifisso.

Il 26 giugno 2006 Sua santità Benedetto XVI accogliendo e ratificando i voti della Congregazione delle cause dei santi ne ha decretato la Beatificazione.


L'OSSERVATORE ROMANO



Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente
 
    Suore Compassioniste
  Serve di Maria

  via Appia nuova, 1009
  00178 Roma
  Tel. 067188210
  Fax 067181888
  curia@compassioniste.org
  P.I. 01068821006
 
Suore compassioniste serve di Maria - P.I. 01068821006 - Ver. 1.0 - Copyright © 2017 Istituto suore compassioniste serve di Maria - Privacy policy - Powered by Soluzione-web