Home page
sabato 24 febbraio 2018 - Fai diventare questo sito la tua Home Page Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti Contattaci


Home Page > La casa generalizia > Curia generalizia

Curia generalizia

              La Madre Generale

Suor Eleonora Simonelli

                 Il Consiglio

Suor Ermanna Luciano

Suor Giuseppina Padassery

Suor Raffaela Todisco

Suor Iole Fabbiano

Segretaria: Suor Maria Mosca

 

XVI Capitolo Generale 2012

L’ Istituto ha celebrato nella Curia generalizia a Roma dal 08 al 24 luglio 2012 il suo XVI Capitolo Generale elettivo e di revisione.

Si è soffermato a riflettere e a lavorare sul tema:

 

      

 

«Compassione come educazione». Compassione deriva dal latino cum - passio e cioè patire insieme. Gesù, si commuove vedendo le folle, perché erano stanche e sfinite, come pecore erranti senza pastore (cfr. Mt. 9,36), per cui invia gli apostoli a continuare la sua opera. La missione, quindi, scaturisce dalla compassione.

Gesù definisce le folle che si stringevano attorno a Lui, “stanche e sfinite”:

·         due aggettivi che delineano bene il vuoto di tante anime;

·         due aggettivi che bene si addicono anche alle folle del nostro tempo.

Questa realtà esistenziale può essere: stanchezza, disagio, noia, mancanza di senso, smarrimento.

È necessario avere un cuore che ama e occhi che sappiano guardare come Gesù, per scorgere nelle persone che incontriamo nella vita quotidiana e nei nostri tanti servizi apostolici, quel senso di stanchezza e sfinitezza che rende vuota la vita.

La nostra Madre Fondatrice pur non essendo un’esperta psicopedagogista agiva e promuoveva lo sviluppo della persona umana, proponendo linee che possiamo scorgere oggi nel documento dei Vescovi italiani Educare alla buona vita del Vangelo, nel quale si evidenzia che: «Tra i compiti affidati dal maestro alla chiesa c’è la cura del bene delle persone nella prospettiva di un umanesimo integrale e trascendente». (n. 5)

Spiegazione dello striscione

Il dipinto è stato realizzato da Viviana Fumarola delstituto d’Arte Filiberto Menna di Salerno per il concorso indetto nel 2007 in occasione della beatificazione della Madre.

E’ stato realizzato con acquerelli, colori e matite. Per il volto è stato usato il carboncino per distaccarlo dal resto del paesaggio. Vuole rappresentare che coloro che hanno conosciuto la Madre, si sono schiuse alla grazia di Dio come i petali di un fiore.

Maria Maddalena è rappresentata in un alone di luce questo perché ha vissuto tutta una vita in un alone di luce e di grazia. Solo le persone che hanno la fortuna di stare vicino a Dio riescono ad espandere agli altri questa luce di santità.


 


 Capitolo 2012
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

DSC00325
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

DSC00324
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

DSC00318
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

DSC00317
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

DSC00316
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

DSC00315
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

DSC00314
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

DSC00313
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore

  Momenti di festa e di vita fraterna
 - 
  La parola della Madre Generale

Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente
 
    Suore Compassioniste
  Serve di Maria

  via Appia nuova, 1009
  00178 Roma
  Tel. 067188210
  Fax 067181888
  curia@compassioniste.org
  P.I. 01068821006
 
Suore compassioniste serve di Maria - P.I. 01068821006 - Ver. 1.0 - Copyright © 2018 Istituto suore compassioniste serve di Maria - Privacy policy - Powered by Soluzione-web